Loading...

Industria metalmeccanica e della installazione di impianti

Contratto Collettivo Nazionale 5 Febbraio 2021

Contratto collettivo nazionale di lavoro 5 febbraio 2021 per i lavoratori addetti all’industria metalmeccanica privata e alla installazione di impianti.
289 pagine.

5,50 

/ copia
(IVA assolta dall’Editore art. 74 d.p.r. 633/72)
Selezionare il numero di copie

Descrizione

Il presente Contratto collettivo nazionale di lavoro ha introdotto significative innovazioni nelle relazioni industriali e contrattuali e nei rapporti tra le parti in coerenza con la situazione economica del Paese e le repentine trasformazioni in atto e con gli obiettivi di competitività delle imprese, di valorizzazione del lavoro industriale e di miglioramento dell’occupazione e delle condizioni di lavoro:

  • assumendo il metodo della sperimentalità e del monitoraggio dell’applicazione delle innovazioni definite;
  • attribuendo alla autonomia collettiva delle parti una funzione primaria per la gestione delle relazioni di lavoro mediante lo sviluppo del metodo partecipativo, ai diversi livelli e con diversi strumenti, al quale le parti riconoscono un ruolo essenziale nella prevenzione del conflitto;
  • confermando l’assetto della contrattazione collettiva su due livelli: il CCNL che ha la funzione di garantire la certezza dei trattamenti economici e normativi comuni per tutti i lavoratori del settore ovunque impiegati nel territorio nazionale e la contrattazione aziendale orientata al miglioramento della competitività aziendale e delle condizioni di lavoro;
  • realizzando un sistema di relazioni sindacali e contrattuali in grado di dare certezza riguardo ai soggetti, ai tempi ed ai contenuti della contrattazione collettiva attraverso l’attuazione ed il rispetto delle regole.

 

Nota dell’EDITORE:
La presente edizione a stampa del Contratto collettivo nazionale di lavoro per l’industria metalmeccanica privata e della installazione di impianti 5 febbraio 2021, è stata autorizzata dalle organizzazioni sindacali firmatarie – Federmeccanica, Assistal e Fim, Fiom e Uilm – che ne hanno verificato la conformità al testo originale in loro esclusivo possesso.